I Marines USA stanno testando cani robot armati di fucili

La robotica sta diventando sempre più appetibile ed è notizia recente che i Marines degli Stati Uniti sta testando nuovi cani robot

Il Comando per le operazioni speciali dei marines USA (MARSOC) è la prima organizzazione all’interno delle forze armate statunitensi a utilizzare cani robot armati di fucili. Altri K-9 robotici armati sono stati esplorati dalle forze armate statunitensi e sfoggiati da paesi stranieri, nel recente passato.

Eric Shell, responsabile dello sviluppo aziendale presso Onyx Industries che ha fornito il sistema di armi per i cani, ha confermato a TWZ durante la SOF Week che sono in uso con MARSOC.

Shell ha osservato che MARSOC ha due cani robot dotati di sistemi di armi basati sul sistema d’arma remoto SENTRY (RWS) di Onyx: uno in calibro 7,62×39 mm e un altro in calibro Creedmoor 6,5 mm.

Non è chiaro esattamente quanti altri cani robotici MARSOC possa avere attualmente, tuttavia, sembra probabile che i due dotati di SENTRY siano in fase di test da parte del comando. Secondo la Shell, gli amici a quattro zampe del MARSOC stanno “facendo lavori nei tunnel, così come la sicurezza perimetrale”, ma non ha potuto specificare dove esattamente.

I Marines USA utilizzano cani robot armati di fucili

Il cane robot che esegue questo lavoro nel tunnel per MARSOC è il veicolo terrestre quadrupede senza pilota Vision 60 di Ghost Robotics, o Q-UGV, ha detto Shell.

Ghost Robotics descrive il suo Q-UGV come un “drone terrestre di medie dimensioni, ad alta resistenza, agile e durevole per tutte le stagioni, da utilizzare in un’ampia gamma di ambienti urbani e naturali non strutturati per applicazioni di difesa, nazionali e aziendali”.

Vision 60 è progettato per attività quali ispezione remota, missioni di intelligence, sorveglianza, ricognizione (ISR), mappatura, comunicazioni distribuite e sicurezza persistente.

Vision 60, i cani robot armati di fucili sono testati dai marines USA
Vision 60, i cani robot armati di fucili sono testati dai marines USA – https://www.ghostrobotics.io/ – Irshivideos.com

 

In passato l’azienda ha collaborato con varie entità per esplorare diverse applicazioni di difesa e sicurezza per Q-UGV, di cui puoi leggere di più in questo articolo di War Zone.

Nel 2021, ad esempio, abbiamo visto Ghost Robotics collaborare con SWORD International per creare quello che le aziende chiamano Special Purpose Unmanned Rifle, o SPUR.

Quel sistema prevedeva la pistola Creedmoor da 6,5 mm di SWORD fissata sul Q-UGV di Ghost Robotics. Da allora, sono emersi anche altri tipi di cani robot armati di pistole, così come esemplari dotati di lanciarazzi, uno dei quali è stato testato dai Marines.

I Q-UGV attualmente testati da MARSOC, invece, sono configurati con SENTRY RWS di Onyx. Il sistema integrato combina lo stack Gimbal Pan/Tilt X360 di Onyx (che fornisce funzionalità elettro-ottica/a infrarossi completa), un sistema di imaging digitale (DIS) abilitato all’intelligenza artificiale e ciò che l’azienda definisce RAW (arma ad attuazione remota). Secondo Onyx, l’arma ad attivazione remota nei suoi vari calibri accetta caricatori e tamburi di dimensioni standard.

Come ha spiegato la Shell, il sistema d’arma autonomo “effettuerà la scansione e rileverà i bersagli… [agganciandosi] a [droni, persone, [e] veicoli”. Poiché è dotato di controllo del fuoco man-in-the-loop, avviserà l’operatore una volta identificato un bersaglio, consentendo all’umano di decidere se impegnarsi o meno.

SENTRY può essere gestito su “qualsiasi rete di comunicazione… puoi davvero gestirlo da qualsiasi parte del mondo, mantenendo l’operatore fuori pericolo”, ha detto Shell.

Per MARSOC, c’è molto che si traduce dall’uso di cani della vita reale come parte di operazioni altamente pericolose a quelle di tipo robotico. Entrambi, sia Ghost Robotics che Onyx Industries, sono in grado di adattarsi a spazi ristretti dove gli esseri umani non possono, ampliando le possibilità di intelligenza e raccolta di informazioni sul campo.

Il loro utilizzo elimina anche il rischio posto da alcuni tipi di lavoro per gli operatori umani, in particolare per quanto riguarda il lavaggio di tunnel e trincee strettamente ristretti dove il combattimento ravvicinato è estremamente pericoloso.

Anche tracciare un sentiero attraverso aree minate o trappole esplosive sarà un’applicazione di grande valore per questi K-9 meccanizzati.

Il fatto che i cani robot MARSOC abbinati al SENTRY RWS di Onyx significa che possono selezionare autonomamente potenziali bersagli in quegli ambienti, prima che un essere umano nel circuito li coinvolga in sicurezza da lontano.

Inoltre, la loro utilità nel garantire una sicurezza perimetrale persistente è già stata esplorata da altri rami delle forze armate statunitensi: i Q-UGV disarmati sono stati utilizzati in particolare dall’aeronautica americana per scopi di esplorazione in basi come le basi aeronautiche di Tyndall e Nellis.

In linea con la tendenza più ampia verso piattaforme piccole e senza equipaggio a terra e in aria, i cani robotici armati sono emersi anche in altri paesi, tra cui Cina e Russia.

Sebbene ulteriori dettagli sull’uso da parte di MARSOC dei cani robot armati di pistola rimangano limitati, la messa in campo di questo tipo di capacità è probabilmente inevitabile a questo punto. Poiché l’autonomia dei droni abilitata all’intelligenza artificiale diventa sempre più un’arma, per quanto tempo un essere umano rimarrà nel circuito, anche per atti cinetici, è sempre più discutibile, indipendentemente dalle assicurazioni di alcuni esponenti dell’esercito e dell’industria.

Sta diventando molto chiaro che quello che una volta era foraggio per i racconti di fantascienza sta ora rapidamente diventando una realtà sul campo di battaglia, e cani robot altamente agili, capaci di entrare in aree estremamente rischiose o inaccessibili e persino di distribuire forza mortale nel processo, sono ora in azione. L’orizzonte.

Impostazioni privacy