Dal primo maggio WhatsApp ha smesso di funzionare su alcuni smartphone: ecco quali

L’ultimo aggiornamento dell”applicazione di messaggistica più utilizzata ha reso impossibile il suo funzionamento su alcuni dispositivi datati

WhatsApp ha recentemente annunciato che la sua popolare applicazione di messaggistica istantanea non sarà più disponibile su diversi modelli di telefoni cellulari a causa dell’ultimo aggiornamento, entrato in vigore il 1° maggio 2024. Questa notizia ha scosso un vasto numero di utenti in tutto il mondo, poiché sono stati costretti a fare i conti con la prospettiva di dover cambiare telefono e a eseguire un backup dei loro dati su WhatsApp se intendono continuare a fruire dei servizi offerti dalla piattaforma.
Quali sono i dispositivi che supportano WhatsApp

Icona Whatsapp
Logo WhatsApp- Unsplash – irshivideos.com

Secondo quanto riportato dal Centro assistenza di WhatsApp, l’applicazione è attualmente compatibile solo con dispositivi che eseguono Android 5.0 o versioni successive, iOS 12 o versioni successive, e KaiOS 2.5.0 o versioni successive, inclusi i dispositivi JioPhone e JioPhone 2. Questo significa che i telefoni con sistemi operativi precedenti a Android 5.0, iOS 12 e KaiOS 2.5.0 non saranno più in grado di supportare WhatsApp.

Gli smartphone da “rottamare”

L’elenco dei dispositivi interessati allo stop del funzionamento di WhatsApp è piuttosto lungo e include marche rinomate come Samsung, iPhone, Huawei, Lenovo, LG, Sony e Motorola. Smartphone come il Samsung Galaxy S4 mini I9195 LTE, iPhone 6S, Huawei Ascend P6 S, Lenovo S890, LG Optimus 4X HD P880, Sony Xperia Z1 e Moto X di Motorola, tra gli altri, non saranno più in grado di eseguire l’app. Questa decisione di WhatsApp è stata presa con l’obiettivo di migliorare la sicurezza e l’efficienza della piattaforma, tenendo conto delle ultime innovazioni tecnologiche. Tuttavia, questa mossa ha causato parecchio disagio a molti utenti, che ora si trovano a dover valutare la sostituzione dei propri telefoni se vogliono continuare a utilizzare l’app senza interruzioni.

L’importanza del backup: tutti i passaggi da eseguire

Meta, l’azienda dietro a WhatsApp, ha chiarito che questa decisione fa parte degli sforzi per migliorare continuamente la piattaforma, adattandola alle capacità tecniche offerte dai dispositivi più moderni. Si consiglia quindi agli utenti di eseguire un backup regolare dei loro dati su WhatsApp per evitare la perdita di informazioni importanti, come chat, foto e video. Per eseguire un backup su WhatsApp, gli utenti possono seguire una serie di passaggi relativamente semplici, che variano leggermente a seconda del sistema operativo del loro dispositivo. Su dispositivi Android, è possibile aprire WhatsApp, selezionare “Impostazioni” dal menu, quindi “Chat” e infine “Backup delle chat”. Su dispositivi iOS, è sufficiente aprire WhatsApp, andare su “Impostazioni”, quindi “Chat” e infine “Backup delle chat”.

È consigliabile quindi eseguire il backup su un servizio cloud, come Google Drive per dispositivi Android e iCloud per dispositivi iOS, per garantire la sicurezza e l’accessibilità dei dati. È inoltre preferbile effettuare il backup quando si è connessi a una rete Wi-Fi per evitare l’utilizzo dei dati mobili e garantire un processo più fluido e veloce. Sebbene quindi la decisione di WhatsApp di smettere di supportare alcuni modelli di telefoni possa essere una scocciatura per molti utenti interessati, è fondamentale adattarsi alle nuove circostanze eseguendo regolarmente il backup dei dati e, se necessario, valutando la sostituzione del proprio dispositivo per continuare a utilizzare l’app senza problemi.

Impostazioni privacy